Malawi

Rassegna settimanale 30 Maggio-5 Giugno: Africa Subsahariana

30 maggio, Etiopia – Città bombardata da truppe eritree

Le forze eritree hanno bombardato una città nel nord dell’Etiopia durante il fine settimana, secondo i documenti interni delle Nazioni Unite e le forze regionali.
È stato un raro bombardamento dopo due mesi di relativa pace in un conflitto iniziato nel novembre 2020.
I bollettini delle Nazioni Unite riportano informazioni provenienti da organizzazioni umanitarie a Shiraro affermando che almeno 23 colpi sono stati sparati, alcuni hanno colpito una scuola che ospita famiglie sfollate.
Nella tarda serata di lunedì, il Tigray People’s Liberation Front (TPLF), il partito che controlla la maggior parte della regione del Tigray, ha accusato le forze eritree di aver attaccato le sue truppe sabato e domenica a Shiraro, a circa sette miglia dal confine tra Eritrea ed Etiopia.
L’Eritrea ha sostenuto le forze federali del primo ministro etiope Abiy Ahmed nella sua guerra dalla fine del 2020 con il TPLF.

Fonte: AL Jazeera
Link: https://www.aljazeera.com/news/2022/5/31/eritrean-troops-shell-town-in-north-ethiopia-u-n

31 maggio, Repubblica Democratica del Congo – Protesta anti-ruanda per il presunto “sostegno” dei ribelli

Centinaia di persone hanno preso parte a una protesta contro il Ruanda nella capitale della Repubblica Democratica del Congo, Kinshasa, per il presunto sostegno di Kigali all’M23, un famigerato gruppo ribelle, mentre crescono le tensioni tra i due Paesi vicini.
Durante la manifestazione di lunedì, i manifestanti hanno anche chiesto l’espulsione dell’ambasciatore ruandese e hanno presentato slogan nazionalistici sugli striscioni.
“Il Congo è il nostro paese… non un solo centimetro andrà in Ruanda”, si legge in uno.
Le relazioni sono state tese dall’arrivo in massa nella RDC orientale degli hutu ruandesi accusati di aver massacrato i tutsi durante il genocidio del Ruanda del 1994, fino al 2019 quando hanno iniziato a scongelarsi dopo la nomina del presidente della Repubblica Democratica del Congo Felix Tshisekedi, ma la recente recrudescenza della violenza dell’M23 ha riacceso le tensioni, esacerbate dalla detenzione di due soldati ruandesi in Congo.

Fonte: Al Jazeera
Link: https://www.aljazeera.com/news/2022/5/31/anti-rwanda-protest-in-dr-congo-over-rebel-backing

1 giugno, Nigeria – Il presidente Buhari cerca il sostegno dei governatori statali per definire il suo successore

Il presidente della Nigeria Muhammadu Buhari ha chiesto ai governatori statali del partito al governo All Progressives Congress (APC) di sostenerlo nella scelta di un successore che si candiderebbe alle elezioni in un concorso presidenziale nel febbraio 2023.
I nigeriani andranno alle urne per scegliere un nuovo presidente poiché Buhari si dimetterà dopo aver guidato la nazione più popolosa dell’Africa per otto anni.
Il partito APC ha fissato dal 6 all’8 giugno la sua convenzione speciale per scegliere un candidato presidenziale. Se governatori, che esercitano influenza sui delegati votanti, si schierassero a favore del suo candidato, ciò costringerebbe gli altri concorrenti a ritirarsi dalla corsa ed evitare un voto.
In un discorso ai governatori statali, Buhari ha affermato che l’APC ha stabilito politiche che garantiscono una successione regolare a tutti i livelli di governo, incluso secondo i governatori il privilegio di avere voce in capitolo su chi gli è succeduto.
“In linea con le politiche interne stabilite del partito, desidero sollecitare la reciprocità e il sostegno dei governatori e delle altre parti interessate nella scelta del mio successore “, ha affermato Buhari.

Fonte: Reuters
Link: https://www.reuters.com/world/africa/nigerias-buhari-seeks-state-governors-support-successor-2022-05-31/

2 giugno, Sudan – Manifestanti liberati dopo la revoca dello stato di emergenza

Le autorità sudanesi hanno liberato diverse dozzine di detenuti politici, anche se altri rimangono incarcerati, il giorno dopo che il governo militare del Sudan ha annunciato la revoca dello stato di emergenza imposto dopo il colpo di stato di ottobre.
Sono 24 le persone rilasciate collegate al movimento di protesta antimilitare a Port Sudan e altre 39 nella capitale Khartoum.
Le regolari proteste di piazza di massa che chiedevano ai militari di abbandonare la politica sono continuate per più di sette mesi dal colpo di stato, che ha posto fine a un accordo di condivisione del potere militare-civile raggiunto dopo il rovesciamento di Omar al-Bashir nel 2019.
Nei giorni scorsi ci sono state altre manifestazioni nella città di Omdurman, dall’altra parte del Nilo rispetto a Khartoum, dove un giornalista di Reuters ha visto manifestanti bloccare una strada principale e un ponte e bruciare pneumatici di automobili.

Fonte: Reuters
Link: https://www.reuters.com/world/africa/some-protesters-freed-sudan-after-emergency-law-lifted-2022-05-30/

3 giugno, Mali – Le forze di pace egiziane delle Nazioni Unite uccise dall’esplosione di una bomba in Mali

I soldati uccisi facevano parte del contingente egiziano della missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite in Mali – MINUSMA (Missione multidimensionale integrata di stabilizzazione delle Nazioni Unite in Mali). Due rapporti delle Nazioni Unite pubblicati questa settimana hanno espresso allarme per l’intensificarsi della violenza nel Mali centrale.
Dal 2012 il Mali è dilaniato da gruppi ribelli legati ad Al-Qaeda e al cosiddetto gruppo dello Stato Islamico (IS), e le regioni centrali del Paese sono diventate un focolaio di violenze e attività ribelli che si sono diffuse dal nord, e su ai vicini Burkina Faso e Niger.
Migliaia di civili e combattenti sono morti e centinaia di migliaia sono stati sfollati a causa dei combattimenti.
Il governo militare al potere del Mali ha recentemente voltato le spalle al suo tradizionale alleato militare, la Francia, e si è rivolto alla Russia nei suoi sforzi per arginare i disordini armati.

Fonte: Al Jazeera
Link: https://www.aljazeera.com/news/2022/6/3/improvised-bomb-kills-two-egyptian-un-peacekeepers-in-mali

4 giugno, Costa d’Avorio – L’economista ivoriano Brou nominato governatore della banca centrale dell’Africa occidentale

L’economista ivoriano Jean-Claude Brou, presidente del principale blocco politico dell’Africa occidentale, è stato nominato dal presidente della Costa d’Avorio Alassane Ouattara governatore della banca centrale regionale.
Brou era già stato presidente della commissione della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) fino al 2018.

Fonte: Reuters
Link: https://www.reuters.com/world/africa/ivorian-economist-brou-nominated-west-africa-central-bank-governor-2022-06-04/

5 giugno, Malawi – Il Paese ha richiesto un prestito quadriennale

Lo stato dell’Africa meridionale, dipendente dai donatori, uno dei più poveri del mondo, ha subito carenze di valuta estera e ha richiesto al Fondo Monetario Internazionale un prestito per i prossimi quattro anni. “Le autorità hanno richiesto un accordo sul problema prolungato della bilancia dei pagamenti”, ha affermato il FMI in una dichiarazione dopo i colloqui con funzionari del governo del Malawi e rappresentanti del settore privato.
L’importo richiesto per la linea di credito non è stato dichiarato.
Il fondo ha affermato che il ripristino della sostenibilità del debito e la risoluzione di un caso che coinvolgeva la presunta segnalazione errata delle riserve in valuta estera erano prerequisiti per il sostegno del FMI.
“Mentre le autorità affrontano questi problemi, il team del FMI ha condotto una missione per concordare politiche e riforme”, ha aggiunto.

Fonte: Al Jazeera
Link: https://www.aljazeera.com/news/2022/6/6/imf-says-malawi-requests-four-year-credit-facility

 

(Featured Image Source: Openverse)