Rassegna settimanale 09-15 aprile: Africa Subsahariana

Rassegna settimanale 09-15 aprile: Africa Subsahariana

09 aprile, Somalia – Il Governo somalo sequestra 9,6 milioni di dollari da un aereo degli Emirati Arabi Uniti a Mogadiscio

Il governo somalo ha dichiarato di aver sequestrato diversi sacchi di denaro per un valore di quasi 10 milioni di dollari da un aereo arrivato all’aeroporto di Mogadiscio dalla capitale degli Emirati Arabi Uniti, Abu Dhabi.

Il denaro è stato trovato in tre sacchi non segnati su un aereo Royal Jet, ha riportato il Ministero degli Interni di Mogadiscio, e il suo sequestro ha provocato uno scontro di ore tra i funzionari dell’aeroporto e il personale dell’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti.

Royal Jet è una compagnia aerea con sede ad Abu Dhabi, rivolta al mercato del lusso tra gli EAU e l’Europa.

“I soldi sequestrati valgono 9,6 milioni di dollari. Le agenzie di sicurezza stanno attualmente indagando da dove provengono i soldi, dove andavano, le persone coinvolte e la ragione per portare denaro nel paese”, ha detto in una dichiarazione il ministero degli interni somalo di domenica.

Le relazioni tra la Somalia e gli Emirati Arabi Uniti sono state gelide dal giugno dell’anno scorso. Mogadiscio ha resistito alla pressione degli Emirati e della Arabia Saudita per tagliare i legami con il Qatar a seguito di una disputa tra i vicini del Golfo. La Somalia ha detto che era neutrale nella spaccatura diplomatica del Golfo.

Il mese scorso, Abu Dhabi ha accettato di addestrare le forze di sicurezza nel Somaliland – una regione nel nord della Somalia in cerca di secessione dal resto del paese. Gli Emirati Arabi Uniti hanno anche firmato con Somaliland una concessione di 30 anni per gestire il porto di Berbera nella regione semi-autonoma. Ha anche iniziato a costruire una base militare nella città portuale.

Mogadiscio ha respinto l’accordo tra Abu Dhabi e la regione somala settentrionale come “inesistente, nullo e vuoto” e ha invitato le Nazioni Unite ad agire.

Parlando al Consiglio diSicurezza dell’ONU il mese scorso, Abukar Osman, ambasciatore della Somalia all’ONU, ha detto che l’accordo tra Somaliland e gli Emirati Arabi Uniti per stabilire la base a Berbera è una “chiara violazione del diritto internazionale”.

Osman ha chiesto al Consiglio di Sicurezza di “prendere i provvedimenti necessari” per “porre fine a queste azioni”.

“Il governo federale della Somalia condanna fermamente queste flagranti violazioni e ribadisce che prenderà le misure necessarie derivanti dalla sua responsabilità primaria di difendere l’inviolabilità della sovranità e l’unità della Somalia”, ha affermato.

Fonte: Al Jazeera

Link: https://www.aljazeera.com/news/2018/04/somalia-seizes-96m-uae-plane-mogadishu-180409050734664.html

 

10 aprile, Sudan – Il Sudan dice che sta rilasciando prigionieri politici; Washington non ha ancora confermato

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto che sta seguendo da vicino gli sviluppi a Khartoum dopo che il presidente sudanese Omar al-Bashir ha ordinato l’immediato rilascio di tutti i prigionieri politici nel paese.

L’ordine di rilasciare prigionieri è stato segnalato dall’agenzia di stampa statale SUNA, ma un funzionario del Dipartimento di Stato ha riportato che “al pomeriggio del 10 aprile non ci sono state conferme di prigionieri politici rilasciati”.

L’ambasciata degli Stati Uniti a Khartoum ha consultato famiglie di detenuti.

Il rapporto del SUNA evince che l’ordine fa parte di uno sforzo per promuovere “riconciliazione, armonia nazionale e pace” settimane dopo che sono stati fatti arresti di massa per reprimere le proteste antigovernative.

Il rapporto non riporta, tuttavia, quanti prigionieri sarebbero stati rilasciati, né identificato nessuno di loro.

Fonte: VOA News

Link:  https://www.voanews.com/a/sudan-political-prisoners/4340633.html

 

11 aprile, Ciad – Il Ciad è stato tolto dal travel ban list negli Stati Uniti

Gli Stati Uniti hanno annunciato martedì la revoca del divieto di sei mesi di visitatori e immigrati dal Ciad, dicendo che il paese ha soddisfatto i principali requisiti di sicurezza per i viaggiatori.

“Il presidente ha annunciato oggi che il Ciad ha alzato i suoi standard di sicurezza per soddisfare importanti requisiti per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti,” ha annunciato il Dipartimento per la sicurezza interna.

“Pertanto, i suoi cittadini potranno di nuovo ricevere visti per viaggiare negli Stati Uniti.”

Le restrizioni di viaggio verranno ufficialmente interrotte il 13 aprile.

Il governo del paese centrale africano, che gli Stati Uniti definiscono un partner “critico” nella lotta al terrorismo, aveva espresso sorpresa a settembre dello scorso anno quando gli Stati Uniti lo hanno inaspettatamente inserito in una lista di altri cinque paesi a maggioranza musulmana sottoposti a divieto di viaggio.

Fonte: France 24

Link: http://www.france24.com/en/20180411-usa-lifts-travel-ban-chad-trump

 

12 aprile, Nigeria – Buhari incolpa Gheddafi per uccisioni in Nigeria

Mercoledì il presidente Muhammadu Buhari ha accusato pubblicamente l’ex leader libico Muammar Gheddafi, ucciso sette anni fa, per le continue uccisioni nella Nigeria centrale.

Le uccisioni sono state a lungo legate ai pascoli e alcuni pastori di etnia Fulani hanno rivendicato la responsabilità di alcuni attacchi.

Ma il presidente nigeriano ha affermato che Gheddafi è stato la causa della dimensione allarmante che gli attacchi hanno preso negli ultimi anni.

Gheddafi è stato ucciso nell’ottobre del 2011 dopo settimane di violente sollevazioni in tutta la Libia, mettendo fine al suo regno di 42 anni. Prima della sua morte, che è stata aiutata dall’incursione occidentale nel paese, il Rais ha riferito di aver armato i suoi sostenitori per scongiurare la ribellione contro di lui. La Libia successivamente è precipitata in una guerra civile che persiste ancora circa sette anni dopo.

Mercoledì a Londra con l’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, il presidente Buhari ha affermato che le armi che il signor Gheddafi ha fornito ai suoi sostenitori si sono infiltrate in Nigeria dove ora vengono utilizzate per alimentare le uccisioni attraverso il centro-nord.

Fonte: Sahara Reporters

Link: http://saharareporters.com/2018/04/12/buhari-blames-gaddafi-killings-across-nigeria

 

13 aprile, Camerun – Gli anglofoni camerunensi, rimasti isolati, affrontano la crisi umanitaria

I camerunesi si sono scatenati in un conflitto tra separatisti anglofoni e la maggioranza francofona. Il governo sta affrontando una crisi umanitaria, dicono i gruppi di aiuto mentre lottano per raggiungere le persone in aree remote che sono diventate praticamente off-limits.

“Hanno numerosi bisogni umanitari”, ha detto Allegra Maria Del Pilar Baiocchi, coordinatrice umanitaria delle Nazioni Unite per il Camerun. “Al di là della violenza, la crisi ha un impatto sulla salute, sull’occupazione”.

Le ambizioni separatiste hanno a lungo sobbollito in due regioni minoritarie anglofone nell’ovest del paese, dove la gente si lamenta di essere emarginata dall’élite francofona.

La spinta alla separazione è stata galvanizzata da un pesante dispiegamento di truppe governative lo scorso agosto, stimolando un conflitto a bassa intensità con attacchi sporadici ai simboli dello Stato.

“Come in ogni conflitto armato, i civili subiscono le conseguenze della violenza, dell’insicurezza e della paura”, ha riportato Alberto Jodra Marcos, che dirige la filiale svizzera del gruppo umanitario Medici senza frontiere (MSF) in Camerun.

Secondo stime dell’ONU, decine di migliaia di persone sono sfollate all’interno delle regioni anglofone del Camerun, una ex Colonia tedesca divisa tra Francia e Gran Bretagna dopo la prima guerra mondiale.

Nelle zone più colpite di Mamfe e Kumba nel sud-ovest, si stima che circa 40.000 persone siano fuggite dalle loro case.

Ma alcuni temono che i numeri colpiti potrebbero essere molto più grandi, con un operatore umanitario che afferma che è impossibile quantificare il dislocamento dato l’accesso limitato. Il governo ha imposto il coprifuoco ai civili in entrambe le regioni e raramente i gruppi di aiuto sono ammessi.

Fonte: France 24

Link: http://www.france24.com/en/20180413-cameroon-isolated-anglophones-english-speaking-humanitarian-crisis

 

14 aprile, Sudafrica – Il Sudafrica di Winnie Mandela si è fermato

Il Sudafrica ha deposto l’icona antiapartheid Winnie Mandela con il massimo dei voti allo stato in un funerale di stadio a Soweto.

L’ex moglie dell’ex presidente del paese, Nelson Mandela, è morta all’inizio di questo mese a 81 anni.

Decine di migliaia di persone in lutto sono scoppiate in un pianto disperato mentre la bara che trasportava le sue spoglie è stata portata nello stadio, a meno di 2 km da casa sua, sabato.

Fonte: Al Jazeera

Link: https://www.aljazeera.com/news/2018/04/south-africa-pays-final-tribute-winnie-mandela-180414110909632.html

 

15 aprile, Mali – Peacekeeper delle Nazioni Unite attaccati in Mali

Un attacco con missili e autobomba ha provocato la morte di un peacekeeper delle Nazioni Unite, una dozzina di feriti e un’altra dozzina di soldati francesi feriti nell’area aeroportuale di Timbuktu, ha detto sabato il Ministero della Sicurezza del Mali.

“Un attacco terroristico ha preso di mira” il campo francese di Barkhan e le truppe delle Nazioni Unite di stanza fuori dalla città settentrionale del Mali durante il pomeriggio, ha riportato il Ministero su Facebook.

Una dozzina di missili sono stati sparati contro i due campi con uomini camuffati da caschi blu delle Nazioni Unite in sella a due veicoli armati di bombe.

“Uno dei veicoli è esploso, mentre il secondo con il segno delle Nazioni Unite è stato fermato”, si legge nella dichiarazione.

Il Ministero ha affermato che l’ultimo bilancio delle vittime è stato un peacekeeper morto, una dozzina di feriti, cinque dei quali gravemente feriti e una dozzina di soldati francesi feriti.

“I combattimenti si sono conclusi verso le 18:30, il settore è stato perquisito, la situazione è sotto controllo”, ha aggiunto.

Una fonte di sicurezza straniera ha dichiarato all’AFP che l’assalto era “senza precedenti” a Timbuktu.

Fonte: France 24

Link: http://www.france24.com/en/20180415-french-soldiers-un-peacekeepers-attacked-mali