RASSEGNA SETTIMANALE 17-23 DICEMBRE 2018: AFRICA SUBSAHARIANA

RASSEGNA SETTIMANALE 17-23 DICEMBRE 2018: AFRICA SUBSAHARIANA

17 dicembre, Kenya – Report Human Rights Watch: la polizia keniota aggredisce militanti ambientalisti

Sulla base di ricerche condotte tra maggio e agosto 2018 da Human Rights Watch e dalla Coalizione Nazionale per i Difensori dei Diritti Umani, il rapporto documenta casi di molestie e intimidazioni contro almeno 35 attivisti da parte di polizia, militari o altri funzionari governativi.

Il report “Ci vogliono solo far tacere”: gli abusi contro gli attivisti ambientalisti nella regione costiera del Kenya” descrive gli ostacoli che gli attivisti affrontano nel dar voce alle loro preoccupazioni circa l’impatto di un progetto infrastrutturale regionale di lunga data noto come LAPSSET, il corridoio di trasporto Lamu Port-Sud Sudan-Etiopia.

LAPSSET mira ad aprire un corridoio di trasporto dalla piccola città di Lamu – che si trova su un’isola al largo della costa centrale del Kenya – che attraversi il nord del Paese. Il megaprogetto prevede la costruzione di una ferrovia, di un’autostrada e di tre aeroporti internazionali, nonché di un oleodotto per il petrolio grezzo, una raffineria di petrolio e tre città turistiche. L’idea alla base è quella di aprire il Kenya settentrionale e attirare più scambi commerciali nel Paese dai suoi vicini senza sbocco sul mare del Sud Sudan, dell’Etiopia e dell’Uganda. Il progetto LAPPSET include anche la costruzione di un enorme porto a Lamu e di una centrale a carbone a circa 20 km di distanza.

La città, con le sue strade strette e tortuose e gli edifici in pietra, è tra il più antico e meglio conservato insediamento swahili nell’Africa Orientale ed è anche un sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Le comunità locali dentro e intorno a Lamu sono diventate sempre più preoccupate di come il progetto, in particolare la centrale elettrica e il porto, influirà sulla salute, sui mezzi di sussistenza e sull’ambiente.

Secondo il rapporto di 69 pagine, la polizia ha arbitrariamente arrestato o detenuto persone in relazione al loro attivismo. Le forze di sicurezza hanno anche rotto le proteste, ristretto le riunioni pubbliche e minacciato gli attivisti con varie accuse.

Secondo il rapporto, nel maggio 2018 la polizia ha arrestato due attivisti durante una protesta pacifica a Lamu contro la decisione del governo di procedere con la costruzione della centrale elettrica. La polizia ha tenuto gli attivisti alla stazione di polizia di Lamu per sei ore per aver partecipato a un “assemblaggio illegale” prima di rilasciarli senza accusa.

Fonte Deutsche Welle

Link: https://www.dw.com/en/kenyas-police-military-harass-environmental-activists-report-finds/a-46776172

 

18 dicembre, Nigeria – La presidenza della Nigeria esprime “preoccupazione” per le attività di Amnesty

La Nigeria è “preoccupata” per le attività di Amnesty International nel Paese, ha riportato Garba Shehu – portavoce del presidente Muhammadu Buhari – pochi giorni dopo che il Governo ha bandito per un breve periodo l’UNICEF con l’accusa di addestrare “spie” solidali con Boko Haram.

“Il Governo federale è sempre più preoccupato per il ruolo che Amnesty International sta giocando nella guerra contro il terrorismo in Nigeria”, ha dichiarato Shehu lunedì, aggiungendo che “Le operazioni dell’organizzazione in Nigeria sembrano orientate a danneggiare il morale dell’esercito nigeriano.”

“Sembra spesso che il Governo di Abuja stia combattendo due guerre per terrorismo: contro Boko Haram e contro Amnesty International.”

La dichiarazione arriva lo stesso giorno in cui le forze armate nigeriane hanno minacciato la “chiusura” del sistema di controllo dei diritti globali in una dichiarazione pubblicata su Facebook.

Il direttore generale delle relazioni pubbliche dell’esercito, Sani Usman, ha dichiarato che Amnesty è “determinata a destabilizzare” la Nigeria attraverso “la fabbricazione di accuse fittizie di presunte violazioni dei diritti umani” e “sponsorizzazioni clandestine di gruppi dissidenti per protestare”. Ha anche affermato che l’ONG era sul punto di rilasciare un nuovo rapporto contro i militari.

Isa Sanusi, portavoce di Amnesty in Nigeria, ha inviato una dichiarazione ad Al Jazeera, riportando che il gruppo di aiuto avrebbe continuato i suoi sforzi.

Fonte Al Jazeera

Link: https://www.aljazeera.com/news/2018/12/nigeria-presidency-expresses-concern-amnesty-activities-181218064350752.html

19 dicembre, Sudafrica – La polizia sudafricana emette mandato di cattura per Grace Mugabe

Il Sudafrica ha emesso un mandato di cattura per l’ex first lady dello Zimbabwe, Grace Mugabe, in relazione a un presunto attacco a una donna in un hotel a Johannesburg l’anno scorso.

Gabriella Engels ha accusato la Mugabe di averla picchiata con una prolunga elettrica in una stanza presso l’hotel Capital 20 West, nel quartiere Sandton di Johannesburg. Dopo che il presunto assalto è venuto alla luce nell’agosto 2017, il Governo sudafricano ha concesso l’immunità diplomatica a Mugabe. Quell’immunità fu rovesciata da un tribunale questo anno dopo che la Engels, una modella, ha impugnato la decisione.

“Posso confermare che un mandato per l’arresto di Grace Mugabe è stato rilasciato giovedì scorso”, ha riportato Vishnu Naidoo, portavoce del servizio di polizia sudafricano. Ha aggiunto che la polizia ha richiesto l’intervento dell’Interpol per far rispettare il mandato.

Non ci sono stati commenti immediati da parte di Grace Mugabe.

I due Paesi hanno un accordo di estradizione, ma il viceministro dello Zimbabwe per l’informazione, Energy Mutodi, ha dichiarato a Reuters che Harare non estraderà la Mugabe.

Grace Mugabe, 53 anni, è stata vista come potenziale successore del marito di 94 anni, Robert Mugabe, che ha governato lo Zimbabwe dal 1980 fino a quando è stato estromesso in un colpo di Stato lo scorso anno.

La Mugabe ha negato di aver aggredito la Engels con una prolunga, dicendo che “Engels era su di giri e sconvolta” e l’ha attaccata con un coltello dopo aver visto i figli di Mugabe in albergo. Il gruppo di difesa sudafricano AfriForum, che ha rappresentato la Engels, ha accusato la Mugabe di aver mentito.

Fonte: The Guardian

Link: https://www.theguardian.com/world/2018/dec/19/south-african-police-issue-arrest-warrant-for-grace-mugabe-zimbabwe-accused-assault-hotel

20 dicembre, DR Congo – Le elezioni presidenziali della Repubblica Democratica del Congo sono rimandate al 30 dicembre

Le elezioni presidenziali nella Repubblica Democratica del Congo in programma domenica sono state annullate e si terranno ora una settimana dopo, il 30 dicembre.

Giovedì la commissione elettorale del Paese ha dichiarato di non essere pronta a tenere le elezioni in seguito a un incendio che ha distrutto le macchine elettorali e l’epidemia di Ebola nelle regioni orientali.

“Le elezioni presidenziali, legislative e provinciali si terranno quindi il 30 dicembre 2018”, ha detto il capo della Commissione elettorale nazionale indipendente (CENI), Corneille Nangaa.

La settimana scorsa, un incendio in un deposito di commissioni elettorali ha distrutto quasi l’80% delle 10.000 macchine elettorali della capitale, Kinshasa. Nangaa ha affermato che i funzionari hanno trovato abbastanza macchine per il voto per Kinshasa, ma hanno dovuto stampare cinque milioni di nuove schede. Ha fatto appello ai 46 milioni di elettori del Paese per il mantenimento della calma.

Le elezioni della RDC, posticipate ripetutamente dal 2016, hanno lo scopo di scegliere un successore del presidente Joseph Kabila, che dovrà dimettersi dopo 18 anni al potere.

La RDC non ha visto una transizione pacifica del potere da quando ha ottenuto l’indipendenza dal Belgio nel 1960.

Fonte: Al Jazeera

Link: https://www.aljazeera.com/news/2018/12/dr-congo-presidential-election-delayed-december-30-181220163234746.html

 

21 dicembre, Burundi – Le ONG hanno solo 10 giorni per adeguarsi alla nuova legge

In Burundi, l’ultimatum di tre mesi rilasciato alle organizzazioni non governative internazionali dal 1° ottobre per conformarsi alla nuova legge che le regolamenta, scadrà l’ultimo giorno dell’anno, il 31 dicembre.

Fino a due giorni fa, 61 ONG internazionali avevano già soddisfatto le condizioni richieste dal Governo burundese, secondo il Ministero degli Interni. Tra queste organizzazioni, pesi massimi attivi nel campo dello sviluppo umanitario o dello sviluppo in Burundi da decenni.

Queste sono principalmente ONG di origine statunitense o legate alla Chiesa. Non hanno avuto problemi ad accogliere il documento, che chiede loro di identificare etnicamente i propri dipendenti e di impegnarsi a correggere gli squilibri etnici nei prossimi tre anni.

Tra le richieste avanzate dalle autorità, due sono controverse. In particolare, l’obbligo di versare all’inizio dell’anno un terzo del proprio bilancio a un conto aperto presso la Banca centrale, e quello di rispettare gli equilibri etnici di 60% per la maggioranza Hutu e 40% per Tutsi, che la Costituzione impone alle istituzioni statali.

Secondo varie fonti, vi erano circa 130 organizzazioni internazionali operative prima della loro sospensione il 1° ottobre. Solo uno, Avocats Sans Frontières, ha già ufficialmente annunciato la sua decisione di chiudere definitivamente il suo ufficio in 10 giorni, al termine dell’ultimatum del Governo.

Rimane una cinquanta organizzazioni. Alcuni hanno già deciso di non rispettare un’ingiunzione che mina profondamente i loro “valori”. Altri sono ancora silenziosi. Gli esperti avvertono che le conseguenze del ritiro di queste ONG potrebbero essere catastrofiche.

L’Unione Europea e i Paesi europei, di gran lunga i maggiori donatori del Burundi, tra i più poveri del mondo, hanno imposto sanzioni di bilancio nei confronti del Governo e dato che sono le ONG di questi Paesi che hanno centralizzato la maggior parte della loro assistenza fino ad ora.

Fonte: Radio France Internationale

Link: http://www.rfi.fr/afrique/20181221-burundi-ong-dix-jours-conformer-nouvelle-loi-ultimatum

 

22 dicembre, Madagascar – Exitpoll: Rajoelina mantiene il vantaggio con metà dei voti contati

L’ex presidente Andry Rajoelina è sulla strada per una comoda vittoria nelle elezioni presidenziali del Madagascar, secondo i risultati provvisori, nonostante le accuse di brogli da parte del suo rivale Marc Ravalomana.

L’ultimo conteggio pubblicato sabato mattina dalla Commissione Elettorale dopo aver contato più di 3 milioni di voti per una partecipazione stimata di meno di 5 milioni di votanti, ha accreditato Rajoelina con il 55,11%.

Ravalomanana ha ricevuto il 44,8% dei voti, secondo queste cifre, che coprono il 60% dei seggi elettorali del Paese.

I risultati provvisori completi, prima di eventuali ricorsi all’Alta Corte Costituzionale, dovrebbero essere resi pubblici dalla commissione intorno a Natale.

Fonte: Africanews

Link: http://www.africanews.com/2018/12/22/madagascar-poll-rajoelina-maintains-lead-with-half-of-votes-counted/

 

23 dicembre, Somalia – Esplosioni mortali a Mogadiscio vicino al palazzo presidenziale

Il bilancio delle vittime di un duplice attacco con un’autobomba vicino al palazzo presidenziale nella capitale somala, Mogadiscio, è salito a 20, ha riportato la polizia.

La polizia ha dichiarato sabato che sette persone sono state uccise in seguito alle due esplosioni, rivendicate dal gruppo al-Shabab legato ad Al Qaeda, che spesso attacca a Mogadiscio.

“Il numero delle vittime uccise nelle esplosioni è salito a 20 e più di 40 sono stati feriti”, ha detto un funzionario somalo della polizia, Ibrahim Mohamed.

Il bilancio è aumentato dopo che alcuni dei feriti di sabato sono morti in ospedale. Sia i civili che i membri delle forze di sicurezza sono stati tra i feriti, ha detto il funzionario.

Il presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed ha condannato gli “attacchi vigliacchi”.

Fonte: Al Jazeera

Link: https://www.aljazeera.com/news/2018/12/somalia-deadly-blasts-rock-capital-mogadishu-181222072011626.html