Rassegna settimanale 26 luglio - 1 Agosto 2021: Africa Subsahariana

Rassegna settimanale 26 luglio – 1 Agosto 2021: Africa Subsahariana

26 luglio, Mozambico – Insurrezione jihadista in Mozambico: truppe ruandesi uccidono 30 jihadisti vicino a Palma

Almeno trenta jihadisti sono stati uccisi dalle forze ruandesi dispiegate in Mozambico. Il Ruanda è solo uno dei tanti paesi che hanno inviato truppe nel paese dopo un recente aumento dell’attività degli estremisti islamici di Al-Shabaab.

Fonte: France24
Link: https://www.france24.com/en/tv-shows/eye-on-africa/20210726-mozambique-jihadist-insurgency-rwandan-troops-kill-30-jihadists-near-palma

27 luglio, Zambia – Sgomento per la possibilità di blackout di Internet durante le elezioni generali di agosto

I provider di telefonia mobile MTN e Airtel non possono promettere che non chiuderanno i servizi durante le elezioni dello Zambia.

Il principale partito di opposizione dello Zambia è deluso dal fatto che le due maggiori compagnie di telefonia mobile del paese – MTN e Airtel – non possano garantire che non chiuderanno l’accesso a Internet durante le elezioni generali del 12 agosto.

I partiti di opposizione e la società civile si aspettano ampiamente che il governo del presidente Edgar Lungu oscuri Internet e i social media per impedire la segnalazione indipendente e il monitoraggio dei risultati. I partiti di opposizione affermano che un blackout potrebbe vanificare i loro sforzi per inviare messaggi finali della campagna, per informare i loro sostenitori su dove e come votare e per segnalare episodi di violenza, intimidazione e irregolarità elettorali sui social media.

I governi spesso bloccano anche i segnali dei cellulari per impedire ai sostenitori dell’opposizione di manifestare in segno di protesta se sospettano che i risultati siano stati truccati.

MTN ha dichiarato a DM168 che il gruppo e le sue sussidiarie, tra cui MTN Zambia, hanno rispettato i diritti umani digitali, incluso “il diritto di comunicare, condividere informazioni liberamente e responsabilmente e godere della privacy e della sicurezza riguardo ai propri dati e al loro utilizzo delle comunicazioni digitali”.

Fonte: All Africa
Link: https://allafrica.com/stories/202108020320.html

 

28 luglio, Kenya – Il Regno Unito offre al Kenya 817.000 dosi di vaccino contro il Covid

Il Regno Unito ha dichiarato mercoledì che offrirà 817.000 dosi di vaccino contro il coronavirus in Kenya, poiché lancerà 100 milioni di dosi promesse per la distribuzione globale entro il prossimo giugno.

Il primo ministro Boris Johnson acconsentirà formalmente alla donazione quando incontrerà il presidente keniano Uhuru Kenyatta al ritiro di campagna del leader britannico a Chequers, a nord-ovest di Londra.

La coppia dovrebbe ospitare un summit di raccolta fondi a Londra giovedì, a cui parteciperanno altri leader mondiali e rappresentanti di imprese, enti di beneficenza, istruzione e giovani, incentrato sugli sforzi di educazione globale.

Circa la metà delle dosi di vaccino Oxford-AstraZeneca donate saranno spedite a Nairobi questa settimana, ha detto Downing Street prima degli incontri.

“Come amici e alleati, condividiamo le dosi di vaccino del Regno Unito per sostenere la lotta del Kenya contro la pandemia”, ha aggiunto Johnson in una nota.

“Dal potenziamento della crescita economica all’affrontare il cambiamento climatico e all’inserimento delle ragazze a scuola, il Regno Unito e il Kenya stanno lavorando fianco a fianco per offrire un mondo più sicuro e prospero”.

La Gran Bretagna si è impegnata a condividere 100 milioni di vaccini contro il Covid-19 entro la metà del prossimo anno attraverso il programma Covax, che mira a garantire un’equa distribuzione dei vaccini, e direttamente ai singoli paesi.

Fonte: Africa News
Link: https://www.africanews.com/2021/07/28/uk-offers-kenya-817-000-covid-vaccine-doses/

 

29 luglio, Africa – Barack Obama si unisce a NBA Africa come partner strategico

Barack Obama è entrato a far parte di NBA Africa come partner strategico. La National Basketball Association (NBA) ha affermato che il presidente Obama contribuirà a far progredire gli sforzi di responsabilità sociale della lega in tutto il continente, compresi programmi e partnership che supportano una maggiore uguaglianza di genere e inclusione economica. In questa veste, il presidente Obama avrà una partecipazione di minoranza nella nuova impresa, che nel tempo intende utilizzare per finanziare i programmi giovanili e di leadership della Fondazione Obama in tutta l’Africa.

NBA Africa conduce gli affari della lega in Africa, inclusa la Basketball Africa League (BAL), che ha tenuto la sua stagione inaugurale a maggio con 12 delle migliori squadre di club di 12 paesi africani. NBA Africa si concentra sull’espansione della presenza della NBA nei mercati africani prioritari, sull’approfondimento del coinvolgimento della lega con giocatori e fan in tutto il continente e continua a far crescere l’ecosistema del basket africano attraverso programmi come Jr. NBA, Basketball Without Borders (BWB) Africa e NBA Accademia Africa. Inoltre, NBA Africa ha lanciato diverse iniziative di responsabilità sociale volte a sensibilizzare sulla violenza di genere, sostenere l’istruzione delle ragazze e migliorare i mezzi di sussistenza dei giovani e delle famiglie africane.

“L’NBA è sempre stato un grande ambasciatore per gli Stati Uniti: utilizzare il gioco per creare connessioni più profonde in tutto il mondo e in Africa, il basket ha il potere di promuovere opportunità, benessere, uguaglianza e responsabilizzazione in tutto il continente”, ha affermato Obama.

Fonte: Voice Online
Link: https://www.voice-online.co.uk/sport/2021/07/30/former-us-president-barack-obama-joins-nba-africa-as-a-strategic-partner/

 

30 luglio, Ghana – Il Ghana si prepara ad espandere il suo export di cioccolato

Il Ghana è il secondo produttore mondiale di cacao. Durante una visita di stato in Svizzera, uno dei partner commerciali più importanti del Ghana, il Ghana ha informato la Svizzera che non avrebbe più esportato cacao verso di loro. Invece, il Ghana prevede di espandere la sua industria nazionale di esportazione di cioccolato per industrializzare ulteriormente il paese.

“Non ci può essere prosperità futura per il popolo ghanese a breve, medio o lungo termine se continuiamo a mantenere strutture economiche che dipendono dalla produzione e dall’esportazione di materie prime”, ha affermato il presidente Nana Akufo-Addo.

“Intendiamo lavorare sempre più cacao nel nostro paese con l’obiettivo di produrre più cioccolato da soli”.

L’industria globale del cioccolato vale quasi 140 miliardi di dollari USA, eppure molti coltivatori di cacao ghanesi guadagnano meno di 1 dollaro al giorno.

In qualità di parti interessate, i coltivatori di cacao in genere hanno solo una quota inferiore al 7% della catena di approvvigionamento globale del cioccolato.

Il segretario generale dell’Unione dei lavoratori agricoli del Ghana (GAWU) ha aggiunto: “Il governo del Ghana deve trasformare la coltivazione del cacao, la sua raccolta e la lavorazione per generare maggiori entrate dalla produzione di cacao”.

L’ex presidente della Svizzera Simonetta Sommatuga ha dichiarato: “È ovvio che il Ghana si sforza sempre più di lavorare le materie prime oltre all’estrazione delle stesse; in questo modo, rimane più valore aggiunto nel Paese, il che è un desiderio molto comprensibile”. Sommaruga ha osservato che “i rapporti tra la Svizzera e il Ghana sono stati per decenni caratterizzati dal rispetto reciproco”.

Il Ghana fa parte dei piani di cooperazione allo sviluppo economico della Segreteria di Stato dell’economia della Svizzera che mirano ad assistere i paesi a reddito medio e i paesi con economie in transizione.

I due obiettivi principali della Svizzera per il Ghana sono: “costruire istituzioni forti e responsabili che forniscano servizi pubblici efficaci” e “migliorare la competitività e la diversificazione dell’economia”. Questi obiettivi hanno l’obiettivo di rendere il Ghana più degno di nota nell’industria globale del cioccolato.

Nel 2019, il Ghana ha dichiarato che avrebbe lavorato localmente il 50% del raccolto di cacao in collaborazione con la Cina, che ha istituito un impianto di lavorazione da 60 milioni di dollari. Ciò intendeva “incrementare le esportazioni del paese, migliorare l’aggiunta di valore e il consumo di cacao a livello locale”.

Il Ghana lavora circa il 30% del suo raccolto di cacao e prevede di espandere la sua crescente industria nazionale del cioccolato. Tuttavia, questo non avviene senza le sue sfide strutturali, che Akufo-Addo si è impegnata ad affrontare.

In un’intervista con la BBC, Nana Aduna II, un coltivatore di cacao ghanese, ha dichiarato: “L’attrezzatura per fare il cioccolato è molto costosa”. Ciò include i sistemi di refrigerazione poiché il cioccolato si scioglie facilmente a causa del clima tropicale del Ghana.

“Inoltre, non abbiamo un’industria dello zucchero locale e non abbiamo un’industria lattiero-casearia locale”, quindi queste risorse devono essere importate da altrove, aumentando i costi di produzione.

Inoltre, gli alti tassi di interesse sui prestiti bancari sono un altro ostacolo per i produttori di cioccolato non commerciali, poiché ostacolano la crescita del business.

Tuttavia, ci sono fattori che posizionano il Ghana per espandere la sua industria di esportazione di cioccolato.

Akufo-Adda prevede di avviare l’industria esportatrice di cioccolato del Ghana attraverso il suo programma One District One Factory che mira a fornire le infrastrutture necessarie per l’agrobusiness, compresi gli impianti di lavorazione in alcune delle regioni più importanti del paese per la coltivazione del cacao.

Attualmente, ci sono diverse aziende nazionali di esportazione di cioccolato in Ghana, comprese aziende artigianali come ’57 Chocolate e Golden Tree, nonché aziende esportatrici più grandi come Fairafric.

“Siamo determinati in Ghana a garantire che le generazioni successive di ghanesi non diventino vittime o pedine dell’ordine economico internazionale, ma i suoi beneficiari”, ha affermato Akufo-Addo. Immagina “un Ghana che ha abbandonato una mentalità di dipendenza, aiuto, carità e disinteresse – e sta tracciando un percorso di autosufficienza”.

Fonte: The Peak
Link: https://the-peak.ca/2021/07/ghana-set-to-expand-its-chocolate-exporting-industry

 

31 luglio, Etiopia – Il presidente Macron chiede colloqui per porre fine al conflitto nel Tigray in Etiopia

Il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto l’apertura dei colloqui per porre fine alle ostilità nella regione settentrionale del Tigray, in Etiopia, ha dichiarato sabato l’Eliseo in una nota.

La dichiarazione è arrivata dopo le telefonate che Macron ha tenuto all’inizio della giornata con il primo ministro etiope Abiy Ahmed e l’omologo sudanese Abdalla Hamdok.

Macron ha anche affermato che tutte le restrizioni dovrebbero essere revocate per consentire la consegna di aiuti umanitari nel Tigray, dove migliaia di bambini potrebbero soffrire di malnutrizione pericolosa per la vita, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia.

Fonte: Reuters
Link: https://www.reuters.com/world/frances-macron-calls-talks-end-conflict-ethiopias-tigray-2021-07-31/

 

1 agosto, Quindici soldati uccisi in un’imboscata in Niger

Quindici soldati sono stati uccisi a seguito di un’imboscata nel sud-ovest del Niger sabato, ha detto il ministero della Difesa del paese, denunciando l’attacco di “gruppi terroristici armati”.

Gli assalitori hanno teso un’imboscata a una missione di rifornimento alle 11:00 ora locale a Torodi, dopo di che i soldati che hanno evacuano i feriti hanno colpito un esplosivo improvvisato, ha detto il ministero nella tarda serata di domenica.

“Ci dispiace che sfortunatamente 15 soldati siano stati uccisi, sette feriti e sei dispersi”, ha detto.

Come i suoi vicini Mali e Burkina Faso, il Niger è un obiettivo regolare per i gruppi militanti legati ad al Qaeda e allo Stato islamico, che si sono rafforzati nonostante lo schieramento di migliaia di truppe regionali, occidentali e delle Nazioni Unite nella regione del Sahel dell’Africa occidentale.

Sospetti combattenti dello Stato Islamico hanno ucciso almeno 100 civili il 2 gennaio in raid contro due villaggi nella regione occidentale di Tillabery e almeno 137 persone in raid coordinati a marzo nella vicina regione di Tahoua, tra gli attacchi più mortali della memoria recente.

Fonte: Reuters
Link: https://www.reuters.com/world/africa/fifteen-soldiers-killed-niger-ambush-ministry-says-2021-08-01/

 

(Featured Image Source: Unsplash)